Come si riconosce l’erba legale da quella illegale? Quali sono le differenze e le caratteristiche di ogni pianta?

Negli ultimi anni, con l’incremento della legalizzazione della cannabis in molti Paesi, è diventato sempre più importante per gli appassionati, i consumatori e gli operatori del settore sapere come riconoscere l’erba legale da quella illegale

Sei un appassionato di cannabis ma non vuoi avere problemi con la legge? È più che giusto. Un utilizzo consapevole è ciò che ti permette di godere di tutti i benefici di questa incredibile pianta, senza controindicazioni né di salute né legali. 

Il mondo della cannabis è variegato e complesso, con una vasta gamma di varietà, ibridi e prodotti derivati. Tuttavia, ci sono diversi fattori chiave che possono aiutare a distinguere tra erba legale e illegale.

Uno dei più importanti è la fonte di approvvigionamento: l’erba legale viene coltivata da produttori autorizzati e regolamentati, mentre quella illegale proviene spesso da coltivazioni clandestine.

Oltre all’origine, è essenziale considerare anche altri aspetti, come l’aspetto e l’odore della cannabis. Le varietà legali tendono ad essere coltivate in modo professionale e seguendo rigorose norme di qualità, il che si riflette nell’aspetto dei fiori e nell’aroma. 

Infine, è importante tenere conto delle informazioni fornite dal produttore o dal dispensario. Le etichette accurate e dettagliate, che includono dati sulla provenienza, la composizione chimica e i metodi di coltivazione, possono essere indicatori affidabili della legalità e della qualità del prodotto. 

Entriamo quindi nel vivo della discussione: come riconoscere l’erba legale da quella illegale? Esaminiamo tutti i criteri che dovrai prendere in considerazione. 

Differenza tra erba legale e illegale

Quando si tratta di distinguere tra erba legale e illegale devi iniziare dalla base, ossia dalla pianta. Le prime differenze che puoi notare sono a livello organico, quindi nelle caratteristiche della pianta e nella sua composizione. Questi elementi non solo ti aiutano a riconoscere l’aspetto e l’odore della cannabis, ma impattano anche sulle esperienze di consumo e, più importante ancora, sulla sua legalità.

Le piante di cannabis legali, come accennavamo poco fa, sono generalmente coltivate da produttori autorizzati e seguono rigorose norme di coltivazione e qualità imposte dalle autorità competenti. Questo può tradursi in piante più robuste, con fiori densi, uniformi e privi di impurità. L’odore può variare notevolmente tra le varietà, ma l’erba legale spesso emana profumi più intensi e complessi, dovuti alla presenza di terpeni e altri composti aromatici.

D’altra parte, l’erba illegale spesso proviene da coltivazioni clandestine o illegali, dove possono mancare le cure adeguate e i controlli di qualità, risultando in piante di qualità inferiore, con fiori meno sviluppati e potenzialmente contaminati da pesticidi o altre sostanze nocive.

Dal punto di vista dei principi attivi, entrambe le varietà di cannabis contengono cannabinoidi come il THC (tetraidrocannabinolo) e il CBD (cannabidiolo), ma in proporzioni diverse. L’erba legale è generalmente selezionata e coltivata per contenere livelli di THC inferiori al limite stabilito dalla legge, che varia da Paese a Paese. Al contrario, l’erba illegale può contenere livelli di THC illegali e non regolamentati.

Inoltre, le piante di cannabis legali sono spesso selezionate e ibridate per massimizzare il contenuto di CBD e altri cannabinoidi non psicoattivi, che hanno dimostrato benefici terapeutici e ricreative senza gli effetti psicotropi del THC.

Come riconoscere la cannabis light?

Le piante di cannabis light e quelle ad alto contenuto di THC spesso assomigliano molto tra loro, con fiori simili in aspetto e odore. La cannabis light a volte può avere un odore più pronunciato, ma non è una regola. Inoltre, se non sei un esperto del settore e non hai metri di paragone, è davvero difficile riuscire a capire che tipo di pianta hai davanti.

Questo perché la vera differenza tra erba legale e illegale risiede nei livelli di THC, che possono variare notevolmente tra le varietà di cannabis. Poiché un consumatore non può determinare il tenore di THC semplicemente guardando o annusando il prodotto, affidarsi alle analisi di laboratorio diventa essenziale.

I produttori di cannabis light devono fornire rapporti di laboratorio accurati realizzati da terzi per ciascun lotto di prodotto, indicando i livelli di cannabinoidi, compreso il THC. Questi rapporti forniscono informazioni cruciali ai consumatori, consentendo loro di fare scelte informate e garantendo la conformità del prodotto alle normative legali.

Quando si acquista cannabis light, è importante cercare produttori o fornitori affidabili che offrano trasparenza e qualità. Assicurati di controllare i rapporti di laboratorio forniti dal produttore e di verificare la conformità del prodotto con le leggi locali.

Inoltre, sebbene sia improbabile riconoscere la cannabis light a occhio nudo, puoi comunque fare affidamento su altri indicatori di qualità, come l’etichettatura chiara e accurata, la reputazione del produttore e le recensioni degli utenti. Questi elementi possono contribuire a garantire che il prodotto acquistato sia sicuro, legale e di alta qualità.

Cosa dice la legge sull’erba legale

In Italia, la legislazione sulla cannabis, nota anche come “erba legale” o cannabis light, ha subito diverse modifiche nel corso degli anni. La legge attuale, aggiornata nel 2024, stabilisce che è legale acquistare e possedere cannabis light, ovvero quella con concentrazioni di THC inferiori allo 0,2%, come stabilito dall’Unione Europea. 

Questa varietà di cannabis è stata legalizzata con la legge del 2 dicembre 2016, n.242. Tuttavia, l’uso ricreativo di cannabis non è riconosciuto dalla legge, che non ne proibisce esplicitamente l’utilizzo ma neppure lo autorizza, lasciando un vuoto normativo. In teoria, in Italia si potrebbe acquistare cannabis solo per uso tecnico e collezionismo. Ovviamente a esclusione dei prodotti alimentari, dei cosmetici per uso topico e di alcuni profumatori per ambienti. 

Inoltre, la legge Fini-Giovanardi del 21 febbraio 2006, n.49, regolamenta l’uso di sostanze stupefacenti, considerando la cannabis come tale, e stabilisce che il possesso di cannabis per uso personale non è un reato penale, ma un illecito amministrativo. 

Pertanto, l’uso ricreativo di cannabis può comportare sanzioni amministrative, come la sospensione della patente di guida o del permesso di soggiorno per i non italiani. Visto lo stato attuale dei fatti, è importante non solo sapere come riconoscere l’erba legale da quella illegale, ma anche essere consapevoli degli usi permessi dalla legge del proprio Paese. 

Se pensi di acquistare cannabis in un Paese e portarla in un altro, assicurati sempre di controllare la legislazione di entrambi. Ciò che viene considerato legale da una nazione potrebbe non esserlo per un’altra

Metodi di consumo dell’erba legale

Parlando in via generale, quindi senza far riferimento a un Paese in particolare, possiamo dire che esistono diversi metodi di consumo per l’erba legale, o cannabis a basso tenore di THC, che possono offrire esperienze diverse e adattarsi alle preferenze personali dei consumatori. 

Ecco alcuni dei metodi più comuni:

  • Inalazione: questo è uno dei metodi di consumo più popolari ed efficaci, l’erba legale può essere inalata attraverso la combustione dei fiori (in sigarette di cannabis, pipe o bong) o mediante vaporizzazione, che riscalda la cannabis a temperature inferiori alla combustione, producendo vapori senza bruciare la materia vegetale;
  • Cibo e bevande infusi: l’erba può essere utilizzata per preparare cibi e bevande infusi, come dolci, biscotti, cioccolato, tè e caffè, questi prodotti possono essere realizzati utilizzando estratti di cannabis o olii, che vengono aggiunti durante la preparazione;
  • Oli e estratti: gli oli e gli estratti a base di erba legale sono concentrati di cannabinoidi, come il CBD, che possono essere assorbiti attraverso la mucosa orale o applicati direttamente sulla pelle, questi prodotti possono essere utilizzati sotto forma di gocce, spray, unguenti o creme, offrendo un’opzione discreta e conveniente per il consumo.
  • Integratori: contengono estratti concentrati di cannabinoidi in forma di pillole o capsule, questi prodotti offrono un’opzione conveniente e discreta per il consumo, consentendo un dosaggio preciso e uniforme;
  • Topici: i prodotti topici a base di erba legale, come creme, unguenti e balsami, vengono applicati direttamente sulla pelle e assorbiti attraverso i pori, possono essere utilizzati per alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione e migliorare la salute della pelle senza produrre effetti psicotropi.

Ogni metodo di consumo ha i suoi vantaggi e svantaggi, e la scelta dipende dalle preferenze personali del consumatore, dalla sua tolleranza e dagli effetti desiderati. 

Cannabis light e terapeutica

Prima abbiamo detto che l’erba legale è solo quella che possiede bassi livelli di THC. Come tutte le regole, esiste però un’eccezione: la cannabis terapeutica

Come dice la parola, la cannabis terapeutica è quella varietà utilizzata a livello medico come palliativo o in sostituzione ai farmaci tradizionali, quando inefficaci. 

La differenza principale tra la cannabis light e la cannabis terapeutica riguarda il loro utilizzo e i loro scopi.

Cannabis light:

  • Possiede livelli di THC molto bassi, inferiori allo 0,2%; 
  • È spesso utilizzata per il sollievo di sintomi lievi, poiché il suo contenuto di THC è così basso che non produce effetti psicotropi;
  • È legale in molte giurisdizioni in cui la cannabis ad alto tenore di THC è ancora vietata, consentendo ai consumatori di godere dei benefici della cannabis senza preoccupazioni legali o psicoattive.

Cannabis terapeutica:

  • È utilizzata per trattare una vasta gamma di condizioni mediche e sintomi, tra cui dolore cronico, nausea, disturbi del sonno, spasmi muscolari, epilessia, ansia e depressione, tra gli altri;
  • Contiene livelli variabili di THC e CBD, così come altri cannabinoidi e composti terpenici, che possono fornire una vasta gamma di effetti terapeutici (il THC può arrivare anche al 22%); 
  • Viene prescritta da un medico, può essere acquistata solo in farmacia e viene utilizzata in diversi modi, tra cui inalazione, ingestione, applicazione topica e somministrazione sublinguale.

Quindi, la cannabis light può essere acquistata da chiunque, mentre la cannabis terapeutica viene prescritta dal medico per far fronte a un disturbo grave e diagnosticato. 

come riconoscere l'erba legale da quella illegale

Dove si compra la cannabis legale in Italia?

In Italia, la cannabis legale può essere acquistata presso negozi specializzati chiamati “cannabis light shops” o “cannabis store“. Questi negozi sono autorizzati a vendere prodotti a base di cannabis contenenti livelli di THC conformi alla normativa italiana, che prevede un limite massimo dello 0,6% di THC nella pianta essiccata e dello 0,2% nei prodotti finiti.

Ricorda sempre che l’acquisto e l’uso della cannabis legale sono soggetti a regolamentazioni specifiche e restrizioni. Ad esempio, l’acquisto è consentito solo a persone maggiorenni e non è permesso l’uso ricreativo in luoghi pubblici.

Prima di effettuare un acquisto, anche se ti trovi in un negozio fisico, sarebbe meglio verificare la legalità e l’affidabilità del produttore, assicurandosi che i prodotti offerti siano conformi alla normativa vigente e che vengano forniti i necessari certificati di analisi e conformità. Fai tutte le domande del caso al venditore e chiedi di visionare le analisi di laboratorio per accertare la composizione dei prodotti. 

Si può acquistare online?

, in alcuni Paesi dove la cannabis legale è regolamentata e venduta attraverso canali autorizzati, è possibile acquistare erba legale online. Tuttavia, è importante verificare la legislazione locale riguardante la cannabis legale e assicurarsi di acquistare solo da fonti autorizzate e legali.

Nel contesto dell’Italia, ad esempio, è possibile acquistare erba legale online da negozi autorizzati che rispettano le normative italiane riguardanti il contenuto di THC e la vendita di cannabis legale. Questi negozi online spesso offrono una vasta gamma di prodotti a base di cannabis, tra cui fiori essiccati, estratti, oli, e altri derivati della cannabis.

Sul web è ancora più difficile capire come riconoscere l’erba legale da quella illegale. Perciò, prima di effettuare un acquisto online, esamina attentamente il sito web del negozio per assicurarti che sia legale e affidabile. Cerca informazioni sulla licenza di vendita di cannabis legale e verifica che i prodotti offerti siano conformi alla normativa vigente. Inoltre, leggi le recensioni degli utenti e verifica se il sito fornisce informazioni chiare sui prodotti, inclusi i certificati di analisi e la provenienza della cannabis.

Se sei interessato a scoprire l’erba legale e i prodotti a base di cannabis di alta qualità, ti invitiamo a esplorare l’ampia gamma di prodotti offerti da Maria CBD. Scegliendo Maria CBD, puoi avere la certezza di acquistare prodotti conformi alle normative vigenti, accompagnati da trasparenza, qualità e affidabilità. 

Scopri la gamma completa di fiori essiccati, estratti, oli e altri derivati della cannabis legale e inizia la tua esperienza con Maria CBD oggi stesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati