Categories
Come Funziona il CBD

Il triptofano è una sostanza che agisce sul buonumore e sulla qualità del sonno. Non si trova nell’organismo ma può essere assunto attraverso determinati cibi e sostanze.

Il buonumore è qualcosa che c’è o non c’è? Oppure è qualcosa che si può stimolare e riportare ad alti livelli quando è un po’ carente?

Quando sei di cattivo umore ti senti stanco, non hai voglia di fare niente, la vita ti sembra senza sapore e, nel caso in cui questa condizione perduri nel tempo, rischi addirittura di cadere nella depressione. 

Devi sapere che nel tuo organismo c’è un ormone che si occupa proprio del tuo buonumore ed è la serotonina, anche chiamata “ormone della felicità”. Se i livelli di serotonina sono alti ti senti molto più allegro e felice, mentre quando i livelli sono bassi ti senti invece di malumore. 

È possibile intervenire sulla serotonina? Assolutamente sì, per questo devi conoscere il triptofano. 

Il triptofano è un aminoacido che non si trova nell’organismo ma che può essere assunto attraverso determinati cibi ed è la sostanza che agisce più velocemente sul buonumore e sulla qualità del sonno. 

Insomma, questo triptofano sembra essere una di quelle sostanze miracolose di cui solo in pochi sono a conoscenza. Ecco perché abbiamo deciso di parlartene. 

Cos’è il triptofano

Il triptofano, chiamato anche L-triptofano, è un aminoacido essenziale. È essenziale perché, proprio come abbiamo già anticipato, non viene prodotto direttamente dall’organismo ma deve essere assunto attraverso una dieta nella quale sono previsti cibi che lo comprendono. 

Come influisce sulla serotonina? In modo molto semplice: nel momento in cui viene assunto l’organismo lo converte in serotonina.

Al corpo bastano anche piccole quantità di triptofano per aumentare i livelli di serotonina. Questa conversione avviene sia nel sistema nervoso sia direttamente nell’intestino, proprio perché l’aminoacido viene assunto attraverso il cibo. 

Ma vediamo di capire perché è così importante per l’organismo.

la molecola del triptofano
Molecola del triptofano

A cosa serve il triptofano

Possiamo parlare del triptofano come precursore di serotonina e melatonina. Da questo fatto derivano quattro principali effetti: 

  • Migliora l’umore: la principale funzione del triptofano è proprio quella di aumentare i livelli di serotonina e di conseguenza di migliorare lo stato d’animo; 
  • Influisce positivamente sul sonno: un secondo grande effetto del triptofano è proprio quello che riguarda la melatonina, ossia l’ormone che si occupa di regolare il ciclo sonno-veglia, poiché rende più semplice addormentarsi e più difficile svegliarsi (dato che il triptofano lavora sulla fase REM, dove il sonno è più profondo);
  • Migliora la memoria: da studi scientifici è emerso che il triptofano è addirittura in grado di incidere a livello cerebrale migliorando la memoria; 
  • Produce maggiore energia: il triptofano è determinante anche nella sintesi della niacina, una vitamina che converte i macronutrienti (alimenti che introduci nell’organismo in grande quantità e da cui deriva il principale apporto energetico) in energia. 

È importante stimolare la serotonina attraverso fonti esterne perché la maggior parte di quella che viene prodotta dall’organismo arriva proprio dai batteri presenti nell’intestino. Ma qual è il problema? Che non è in grado di arrivare fino al sistema nervoso centrale, ciò che invece è possibile grazie al triptofano. 

Il processo è il seguente: il triptofano, dopo essere stato assunto, viene convertito dall’organismo in serotonina la quale, a sua volta, crea melatonina attraverso la ghiandola pineale che si trova nel cervello. 

Tutti questi effetti sono strettamente connessi perché un sonno migliore aiuta anche l’umore a essere più positivo, tanto da trattare persino soggetti che soffrono di depressione. 

a cosa serve il triptofano
A cosa serve il triptofano

In che alimenti si trova

Ma questo triptofano, così benefico per l’organismo, in quali alimenti si trova? Conoscerli è la base per poter creare una dieta equilibrata e raggiungere quindi un umore migliore. 

Per scoprire quali sono i cibi che contengono triptofano ci siamo affidati al database Nutrition Data, all’interno del quale vengono elencati prodotti in cui sono presenti livelli alti e bassi di una componente a scelta, in questo caso il triptofano. 

Lo contengono principalmente: 

  • Uova, soprattutto albume essiccato;
  • Soia, in particolar modo le proteine isolate di soia;
  • Farine di cereali integrali;
  • Pesce, come il merluzzo;
  • Molluschi;
  • Polpa di granchio;
  • Selvaggina;
  • Alga spirulina;
  • Latticini;
  • Cioccolato;
  • Banana .

È evidente che il triptofano si trova sia in proteine vegetali che animali. Nelle banane, in particolar modo, è contenuta un’elevata percentuale di triptofano. Anche se ne dovresti mangiare una decina per assumere anche solo un grammo!

Come mai ci siamo soffermati sulle banane? Perché se vuoi integrare questo aminoacido nella dieta non devi interessarti solamente di quelli che sono gli alimenti che lo contengono. Ovviamente, il triptofano non è l’unica sostanza da cui sono composti e le altre componenti potrebbero incidere sull’assimilazione. 

Invece la banana, ad esempio, è un alimento ottimo per il tuo organismo sotto tantissimi punti di vista, anche per il triptofano. 

Quali sono gli effetti collaterali del triptofano

Di solito gli alimenti naturali sono i più consigliati per evitare controindicazioni. Tuttavia, quando parliamo di sostanze potenti potrebbero verificarsi delle risposte allergiche oppure delle interazioni con altre sostanze. 

Generalmente il triptofano è ben tollerato. Sono stati effettuati ormai numerosi test scientifici e non sono emersi effetti collaterali nel momento in cui i soggetti coinvolti hanno assunto la dose consigliata. 

Il dosaggio ovviamente varia in base al risultato che si desidera ottenere. Dalla ricerca sembra che la maggior parte delle persone assuma 1 grammo al giorno e che alcune arrivino fino a 4-5 grammi al giorno. Sono emersi degli effetti collaterali con dosaggi molto elevati, come 70-200 mg/kg, che possono portare a tremori, eccessiva sudorazione e persino delirio. 

Al contrario, è più facile incappare in effetti collaterali se si assumono grandi quantità di serotonina insieme a farmaci antidepressivi. Un soggetto che soffre di depressione potrebbe essere portato a pensare che un accumulo di serotonina aiuti a trattare più velocemente il disturbo. In realtà, può portare a una vera e propria sindrome con nausea, vertigini, diarrea e nervosismo. 

Integrare il triptofano nella dieta può essere utile?

Il triptofano può essere assunto attraverso i cibi che abbiamo elencato prima oppure attraverso gli integratori. In questi ultimi la concentrazione di triptofano è ovviamente maggiore e si rischia il sovradosaggio se si vuole strafare. Al contrario, attraverso una dieta equilibrata è molto più facile assimilare solo il triptofano sufficiente a riportare il buonumore. 

Non pensare che l’apporto di triptofano derivante dagli alimenti sia insufficiente per raggiungere dei risultati. A dimostrarlo è una ricerca del 2014 sugli effetti dello stress e del potenziamento alimentare del triptofano sul desiderio di alcol nei bevitori cronici. I ricercatori hanno potenziato il livello di triptofano nella dieta per capire se potesse modulare il desiderio di alcol. Nei soggetti che facevano un occasionale consumo eccessivo di alcol ne ha ridotto il bisogno, proprio perché ha ridotto lo stress dal quale erano afflitti. 

Questo ci dimostra che una dieta pensata per aumentare i livelli di serotonina attraverso l’assunzione di triptofano può effettivamente dare risultati. 

Il legame tra triptofano e CBD

Come il triptofano, anche altre sostanze naturali sono in grado di aumentare i livelli di serotonina e di riportare il buonumore: tra queste troviamo i cannabinoidi, presenti nella pianta di canapa. 

I cannabinoidi, nello specifico CBD e THC, intervengono sui livelli di serotonina poiché interagiscono con il sistema endocannabinoide presente nel sistema nervoso centrale e periferico. Il sistema endocannabinoide regola moltissime funzioni dell’organismo come l’appetito, il sonno e ovviamente anche l’umore.

Particolarmente efficaci sono i prodotti dove il CBD, il più importante principio attivo della canapa, è combinato al Tetraidrocannabinolo (o THC). Infatti quest’ultimo interagisce con i recettori CB1 del sistema responsabili dell’attivazione dei cosiddetti neuroni serotoninergici. È proprio da questi neuroni, presenti nel sistema nervoso centrale e nell’apparato gastrointestinale, che viene sintetizzata la serotonina. 

Numerose ricerche scientifiche hanno testato i prodotti a base di CBD nella cura di ansia, stress e depressione. I risultati sono stati così incoraggianti da renderli una valida alternativa naturale ai farmaci ansiolitici e antidepressivi. Anche perché il CBD risolve il problema alla fonte, diversamente dai farmaci tradizionali, e lo fa senza provocare dipendenza o assuefazione. 

Nel momento in cui il CBD è unito al THC e a tutte le altre sostanze naturali presenti nella pianta di canapa avviene il cosiddetto “effetto entourage”. Le proprietà di tutte queste sostanze, e in particolare i benefici del CBD, vengono amplificate proprio grazie al loro lavoro in sinergia. 

i benefici del cbd

Integratori naturali per il tuo benessere

A una dieta equilibrata puoi unire il sapiente uso di integratori naturali, ideali per trattare i disturbi di cui soffri o semplicemente per aiutarti a rimanere in salute e prevenire così l’insorgere di future malattie. 

Gli integratori naturali sono generalmente più sicuri rispetto ai farmaci tradizionali, anche se devi prestare sempre attenzione al corretto dosaggio e alle modalità d’uso. 

Se stai già facendo una cura per il trattamento di qualche patologia dovresti prima consultare il tuo medico di fiducia per avere la certezza che l’integratore alimentare in questione non interferisca con la cura in atto. 

Detto questo, non c’è nulla che possa impedirti di tornare di buonumore, di dormire meglio e di rendere molto di più durante la tua giornata e in tutte le attività che svolgi. 

Se sei interessato ai prodotti a base di CBD, all’interno del nostro shop ne puoi trovare molti. La cannabis è utilizzata da migliaia di anni nella medicina naturale alternativa e continua ancora oggi a strabiliare scienziati e consumatori. Visita subito il nostro store per scoprire tutta la collezione.