Categories
I nostri Prodotti - CBD

I cannabinoidi contenuti all’interno della pianta di Cannabis hanno una composizione chimica simile alle sostanze che nell’organismo umano regolano la risposta al dolore. L’olio di CBD può quindi aiutarti a provare meno pena e disagio se soffri di dolore acuto o cronico.

Da un po’ di tempo stai soffrendo di un dolore che proprio non riesci a mandare via? Hai provato diversi antidolorifici da banco ma non hai ottenuto alcun risultato? Anzi, magari ti è anche venuto mal di stomaco?

Forse dovresti passare ai rimedi naturali

Sai come trattavano il dolore gli uomini 5.000 anni fa? Con la cannabis

La pianta di cannabis contiene al suo interno dei principi attivi potentissimi, i più famosi sono CBD e THC, in grado di trattare moltissime malattie e malesseri. Tra questi c’è anche il dolore

Ciò è possibile perché i cannabinoidi contenuti all’interno della pianta hanno una composizione chimica simile alle sostanze che nell’organismo umano regolano la risposta al dolore. Possono quindi aiutarti a provare meno pena e disagio se soffri di dolore acuto o cronico. 

Tra tutti i prodotti a base di cannabis, il CBD oil è uno dei più potenti e dei più versatili. 

Abbiamo creato questa guida per dimostrarti la sua efficacia e per aiutarti a scegliere il miglior olio di CBD per dolori in base alla tua esperienza con questa sostanza e alla tipologia di condizione che devi trattare. 

I diversi tipi di olio di CBD

Perché serve una guida per trovare il miglior olio di CBD per dolori? Beh, perché ne esistono tante tipologie differenti

Quando visiterai un negozio fisico o uno shop online per l’acquisto ti renderai conto che la scelta è davvero vasta e tu devi sapere esattamente cosa scegliere. Solo così eviterai di commettere errori e acquisterai un prodotto realmente in grado di darti beneficio.

L’olio di CBD si divide in 3 diverse tipologie

  • Full spectrum: come suggerisce il nome è la formulazione più completa perché al suo interno contiene il CBD, il THC e tutte le altre sostanze naturali prodotte dalla pianta di cannabis tra cui vitamine, minerali, proteine, terpeni, flavonoidi, fibre, grassi essenziali e oltre un centinaio di altri cannabinoidi; 
  • Broad spectrum: come la versione precedente contiene tutte le sostanze nutritive della cannabis, l’unica differenza è che questa formulazione è totalmente priva di THC (può contenerne soltanto tracce talmente ridotte da essere trascurabili); 
  • Isolato: quest’ultima formulazione contiene solamente CBD, il quale è stato per l’appunto isolato da tutte le altre sostanze per garantirne la massima purezza. 

Ci teniamo a specificare che anche nella versione full spectrum la percentuale di THC è inferiore allo 0,5% per legge italiana. Questo permette di sfruttare anche le proprietà del THC senza però comportare alcuno sballo. 

tipologie di olio di cbd

Cos’è l’effetto entourage

Full spectrum, broad spectrum o isolato? Questo è il dilemma. 

I pareri degli esperti sono controversi su quale formulazione sia effettivamente la più potente. I puristi del CBD dicono che sia la variante isolata, ma la maggioranza apprezza maggiormente le varianti full e broad spectrum. 

Questa non è solamente una presa di posizione arbitraria, c’è anche una spiegazione scientifica alla base. 

Nelle formulazioni full e broad spectrum tutti gli ingredienti lavorano in sinergia all’interno del prodotto finale esattamente come fanno quando si trovano ancora in natura all’interno della pianta. Il lavoro di squadra potenzia le proprietà e le caratteristiche di ciascuna singola sostanza, che sprigiona quindi la sua massima efficacia. 

Tale fenomeno prende il nome di effetto entourage

Viene considerato il miglior olio di CBD per dolori perché ovviamente non sono solo i cannabinoidi ad avere delle proprietà curative, ma anche tutte le altre sostanze. Pensa solamente a quanto fanno bene minerali, vitamine, terpeni e flavonoidi al tuo organismo. Tutto questo nella formulazione isolata ovviamente non avviene, anche se puoi ugualmente beneficiare del potere del CBD. 

L’olio di CBD come antidolorifico

Abbiamo parlato dell’efficacia dell’olio di CBD come antidolorifico. Ma quali dolori può effettivamente trattare?

Le due principali tipologie di dolore che puoi provare sono: 

  • Acuto: è quello che deriva da una causa ben precisa e che persiste finché non viene eliminata, potrebbe essere ad esempio il dolore derivante da un’infiammazione localizzata; 
  • Cronico: quella tipologia di dolore che perdura anche dopo l’eliminazione della causa scatenante. 

Il potere del CBD per il dolore cronico è stato e continua a essere ampiamente studiato dagli scienziati intenzionati a trovare una cura per i dolori causati, ad esempio, dall’artrite o da malattie degenerative. Spesso questo dolore è il più difficile da curare, molto di più della dorma acuta. 

L’olio di CBD lavora quindi come antidolorifico su diversi livelli. Viene utilizzato dagli sportivi per i dolori muscolari provati durante il recupero, così come per trattare emicrania, il mal di schiena, fino ai dolori articolari cronici più debilitanti.

Pensa che l’uomo usa il CBD addirittura dal 3.000 a.C. per la cura del dolore perché la sua proprietà antidolorifica fu proprio la prima a essere scoperta. Oggi rappresenta ancora un metodo valido e alternativo per chi cerca un rimedio totalmente naturale. 

Quanto ci mette il CBD a fare effetto? 

Il lasso temporale necessario affinché il prodotto faccia effetto dipende da quale modalità scegli per assumere le gocce di olio di CBD per dolori. 

L’olio di CBD può essere utilizzato in più modi: 

  • Sublinguale: puoi posizionare le gocce direttamente sotto alla lingua, è il metodo che garantisce il più rapido assorbimento attraverso il flusso sanguigno che passa nei capillari, anche dopo 15 minuti potresti già percepire i primi benefici; 
  • Per via orale: puoi aggiungerlo a cibi e bevande, in questo caso agirebbe attraverso l’apparato digestivo, è il metodo di utilizzo più blando e in questo caso l’olio impiega circa 30 minuti per fare effetto; 
  • Per via topica: si tratta dell’applicazione diretta sulla pelle nel caso in cui tu voglia trattare un disturbo localizzato, puoi favorire l’assorbimento attraverso un delicato massaggio e dovresti iniziare a vedere i primi effetti dopo 30-45 minuti. 

Il fattore “tempo” non ti serve per scegliere la giusta modalità di assunzione, ma solo per farti capire in quanto si manifestano gli effetti. Ovviamente dipende anche dalla quantità di gocce assunte e dalla percentuale di CBD contenuta al loro interno. 

Vediamo subito in quale modo incide la percentuale di CBD nell’olio. 

cbd legale shop online
Olio di CBD Full Spectrum in diverse percentuali

Olio di CBD in diverse percentuali, quale scegliere?

Le differenze tra gli oli di CBD non si limitano alla formulazione, ma anche alla diversa percentuale di principio attivo contenuta nel prodotto. Guardando i flaconi in uno shop noterai che sull’etichetta sono indicate delle diverse percentuali. Questo dato indica la parte di CBD presente all’interno dell’olio vettore. 

La concentrazione va letta nel seguente modo: olio di CBD al 5% significa che in 10ml di olio vettore sono contenuti 500mg di CBD.

Iniziamo scremando le percentuali in base alla gravità del dolore da trattare. 

Per dolori

  • Lievi (5-10% di CBD): se vuoi trattare un disturbo lieve puoi partire con una percentuale bassa e vedere come reagisce il tuo organismo, se non noti benefici puoi provare a incrementare la dose oppure aumentare la percentuale (sempre in modo graduale); 
  • Medi (20% di CBD): se vuoi trattare condizioni un po’ più complesse come l’insonnia, lo stress, l’ansia, le convulsioni, il mal di testa o il mal di schiena, puoi provare la concentrazione al 20-25%; 
  • Cronici o gravi (oltre il 30%): tutte le concentrazioni che superano il 30% sono indicate per chi vuole trattare delle condizioni molto gravi e ha già un’esperienza pregressa con il prodotto. 

Il fattore esperienza è fondamentale per scegliere il miglior olio di CBD per dolori. Se è la tua prima volta ti consigliamo di partire con una concentrazione bassa. L’olio al 5% viene considerato un entry level. Gradualmente puoi aumentare la concentrazione finché non vedi comparire i primi risultati. 

Dove acquistare il miglior olio legale al CBD

Ora hai tutti gli elementi che ti servono per acquistare il miglior olio di CBD per dolori sulla base delle tue esigenze. 

Ricordati che i fattori da considerare sono: 

  • Intensità del dolore; 
  • Esperienza con la cannabis; 
  • Componente fisica (anche il tuo peso corporeo, la composizione e il tasso metabolico incidono sull’assimilazione del prodotto). 

A questo punto devi solo trovare un’azienda affidabile dove acquistare il tuo nuovo olio di CBD. 

Sullo shop di Maria CBD Oil puoi trovare diverse concentrazioni di oli di CBD 100% biologici. Per la coltivazione utilizziamo solo sementi approvate dall’Unione Europea e non facciamo alcun uso di pesticidi o altre sostanze chimiche. L’estrazione del CBD viene poi eseguita con metodi altamente tecnologici che garantiscono la purezza del prodotto finale. 

Visita subito lo store online e scegli il giusto olio di CBD per te tenendo conto di tutti i fattori che abbiamo individuato insieme. 

Articoli Correlati