Qual è la relazione tra antibiotici e CBD? Si possono assumere insieme? Scopri cosa dice la scienza a riguardo.

L’uso terapeutico del cannabidiolo, meglio conosciuto come CBD, uno dei composti principali della cannabis, ha guadagnato crescente interesse per le sue proprietà benefiche su una vasta gamma di condizioni mediche.

Mentre la scienza fa queste scoperte, la resistenza agli antibiotici continua a sfidare la medicina moderna, richiedendo nuove strategie per combattere le infezioni batteriche. Senza considerare gli innumerevoli effetti collaterali che gli antibiotici portano con sé. 

Date queste premesse, gli scienziati si sono posti domande cruciali: potrebbe il CBD offrire un contributo significativo nel migliorare l’efficacia degli antibiotici? Come si intrecciano i meccanismi d’azione del CBD con quelli degli antibiotici convenzionali? E soprattutto, quali sono le evidenze scientifiche che sostengono questa possibile sinergia? 

In questo articolo vogliamo fare luce sulla relazione tra antibiotico e CBD, analizzando ciò che la scienza ha scoperto finora e facendo luce su quelle che possono essere le nuove prospettive nella lotta contro le infezioni batteriche. 

Relazione tra CBD e antibiotici

Come forse già sai, il CBD possiede numerose proprietà terapeutiche tra cui l’effetto antinfiammatorio e la capacità di gestire l’ansia e il dolore. Tuttavia, quando si tratta di combinare antibiotico e CBD, è essenziale fare molta attenzione e chiedere un parere preventivo del proprio medico curante. 

Gli antibiotici sono farmaci potenti usati per combattere le infezioni batteriche e funzionano in vari modi, come interferire con la parete cellulare dei batteri o impedire loro di produrre proteine essenziali. 

La ricerca suggerisce che il CBD potrebbe influenzare l’efficacia degli antibiotici, potenziandola o diminuendola, a seconda del contesto e della specifica interazione farmacologica. Ad esempio, uno studio dell’Università della Danimarca Meridionale ha scoperto che il CBD potrebbe aiutare a combattere i batteri resistenti agli antibiotici, suggerendolo come composto di supporto per aumentare la potenza antibatterica degli antibiotici. 

Tuttavia, è importante notare che il CBD può anche interagire con il sistema del citocromo P450, che è responsabile del metabolismo di molti farmaci, inclusi alcuni antibiotici. Questo significa che il CBD potrebbe alterare il modo in cui il corpo elabora gli antibiotici, potenzialmente portando a un aumento o una diminuzione dei loro livelli nel sangue. 

Come dicevamo, però, è necessario fare attenzione e valutare il singolo caso specifico. Alcuni antibiotici, come i macrolidi, possono aumentare i livelli dei cannabinoidi nel corpo, il che potrebbe portare a un rischio maggiore di effetti avversi. Inoltre, il CBD è stato trovato inefficace contro alcuni tipi di batteri, come quelli Gram-positivi. L’interazione di antibiotico e CBD può quindi variare in base a una serie di fattori. 

La resistenza agli antibiotici

Come dicevamo all’inizio, la resistenza agli antibiotici è un problema globale crescente che minaccia l’efficacia dei trattamenti contro le infezioni batteriche. Questo fenomeno si verifica quando i batteri mutano o acquisiscono geni per cui diventano insensibili all’azione degli antibiotici, rendendo i trattamenti standard meno efficaci o addirittura inutili. 

La resistenza può essere intrinseca, ovvero una caratteristica naturale del batterio, o acquisita, sviluppandosi dopo l’esposizione a un antibiotico. I meccanismi attraverso cui i batteri diventano resistenti includono la modifica del sito bersaglio dell’antibiotico, la produzione di enzimi che degradano l’antibiotico, la riduzione della permeabilità cellulare all’antibiotico, e l’efflusso attivo dell’antibiotico fuori dalla cellula batterica.

L’uso improprio e l’eccessivo consumo di antibiotici, sia in medicina umana che in veterinaria, hanno accelerato la diffusione della resistenza. L’autoprescrizione, l’uso di antibiotici per promuovere la crescita negli allevamenti e la prescrizione inadeguata da parte dei medici contribuiscono a questo problema. Inoltre, la mancanza di nuovi antibiotici a causa di un rallentamento nella ricerca e sviluppo farmaceutico aggrava la situazione.

La resistenza agli antibiotici non solo rende più difficile trattare le infezioni, ma aumenta anche il rischio di diffusione di infezioni resistenti, prolunga la durata delle malattie e può portare a un aumento della mortalità. 

antibiotici e cbd - tabella
Antimicrobial Resistance Benchmark Report 2018 by Access to Medicine Foundation

La tabella mostra quali aziende farmaceutiche hanno una strategia per ridurre al minimo l’impatto ambientale degli scarti di antibiotici dalla produzione.

Si può migliorare l’effetto degli antibiotici con il CBD?

Nello studio dell’Università della Danimarca Meridionale a cui abbiamo accennato poco fa, il CBD è stato utilizzato per migliorare l’effetto dell’antibiotico bacitracina contro i batteri Staphylococcus aureus, uno dei più letali al mondo. Durante la ricerca, la combinazione di antibiotico e CBD ha mostrato un effetto più potente, riducendo la quantità di antibiotico necessaria.

Oltre a questa scoperta che può certamente gettare speranza sui metodi di cura, l’uso combinato di composti aiutanti e antibiotici potrebbe contribuire a sviluppare meno batteri resistenti.

Un altro studio ha dimostrato che il CBD può agire sulle vescicole di membrana dei batteri Gram-negativi. Queste vescicole sono importanti per il trasporto di materiali come proteine, DNA e RNA, e sono coinvolte nei processi di comunicazione e attacco dei batteri. Il CBD interagisce con queste vescicole, potenziando l’effetto degli antibiotici e riducendo la quantità necessaria per combattere l’infezione.

Inoltre, il CBD ha proprietà antinfiammatorie che possono essere utili nel trattamento delle infezioni batteriche, riducendo l’infiammazione e migliorando l’efficacia degli antibiotici. Questo approccio potrebbe anche contribuire a ridurre la probabilità che i batteri sviluppino resistenza agli antibiotici, un problema crescente nella medicina moderna.

Breve panoramica sugli antibiotici

Nel corso della storia, gli antibiotici si sono rivelati una classe di farmaci fondamentali nella lotta contro le infezioni batteriche. Questi potenti alleati della medicina moderna sono in grado di uccidere i batteri o di inibire la loro crescita, permettendo al sistema immunitario di intervenire e risolvere l’infezione. La scoperta degli antibiotici ha rappresentato la svolta nel trattamento delle malattie infettive, salvando innumerevoli vite.

Ovviamente, la scelta di un antibiotico appropriato è cruciale per garantire l’efficacia del trattamento e minimizzare il rischio di sviluppare resistenza agli antibiotici. 

Le tipologie di antibiotici

Gli antibiotici sono suddivisi in diverse classi, ognuna con specifici meccanismi d’azione e spettri di efficacia contro vari tipi di batteri. Tra le principali classi di antibiotici troviamo:

  • Aminoglicosidi;
  • Carbapenemi;
  • Cefalosporine
  • Fluorochinoloni
  • Glicopeptidi e lipoglicopeptidi (come la vancomicina);
  • Macrolidi (come l’eritromicina e l’azitromicina);
  • Monobattami (aztreonam);
  • Ossazolidinoni (come linezolid e tedizolid);
  • Penicilline;
  • Polipeptidici;
  • Rifamicine;
  • Sulfamidici;
  • Streptogramine (come quinupristina e dalfopristina);
  • Tetracicline.

Le penicilline, i carbapenemi, le cefalosporine e i monobattami sono esempi di antibiotici beta-lattamici, caratterizzati dalla presenza di un anello beta-lattamico nella loro struttura chimica.

L’uso corretto degli antibiotici è essenziale per prevenire la resistenza. Per questo motivo è importante seguire le indicazioni del medico riguardo alla dose, alla frequenza e alla durata del trattamento. Interrompere prematuramente una terapia antibiotica o non aderire alle prescrizioni può non solo compromettere l’efficacia del trattamento ma anche favorire lo sviluppo di resistenze di cui parlavamo prima. 

Il funzionamento degli antibiotici

Ma come fanno gli antibiotici a uccidere i batteri e impedire la loro crescita? 

Uno dei principali modi in cui gli antibiotici agiscono è l’inibizione della formazione della parete cellulare dei batteri. Antibiotici come la penicillina bloccano la sintesi di questa parete, rendendo i batteri incapaci di resistere alla pressione osmotica, il che porta alla loro distruzione.

Alcuni antibiotici, come i sulfamidici, agiscono imitando sostanze che i batteri utilizzano normalmente nel loro metabolismo, come l’acido para-aminobenzoico (PABA), che è necessario per la sintesi dell’acido folico nei batteri. Senza acido folico, i batteri non possono produrre DNA, RNA e proteine, e quindi non possono crescere o riprodursi.

Gli antibiotici possono anche interferire con la sintesi delle proteine nei batteri. Ad esempio, gli aminoglicosidi si legano alle subunità ribosomiali dei batteri, bloccando così la produzione di proteine essenziali. Questo impedisce ai batteri di svolgere funzioni vitali e li porta alla morte o ne impedisce la riproduzione.

Un altro meccanismo attraverso il quale gli antibiotici possono operare è l’inibizione della trascrizione del DNA nei batteri. Farmaci come i rifamicini interferiscono con l’enzima RNA polimerasi, che è necessario per la sintesi dell’RNA messaggero e, di conseguenza, per la replicazione del DNA. Questo processo blocca il ciclo vitale dei batteri e li uccide.

Esistono anche altri meccanismi attraverso i quali gli antibiotici possono esercitare la loro azione, come l’alterazione della permeabilità della membrana cellulare, l’inibizione di altre vie metaboliche essenziali o l’interferenza con la sintesi degli acidi nucleici.

Le controindicazioni degli antibiotici

Gli effetti collaterali degli antibiotici sono una realtà importante da considerare quando si affronta un trattamento farmacologico per le infezioni batteriche. Nonostante gli antibiotici siano essenziali per combattere le infezioni, possono anche causare reazioni avverse nel corpo. 

Ecco una panoramica degli effetti collaterali più comuni associati all’uso di antibiotici:

  • Disbiosi intestinale, che si verifica quando gli antibiotici alterano l’equilibrio naturale dei batteri nell’intestino causando sintomi come diarrea, gonfiore e crampi addominali;
  • Reazioni allergiche, che possono variare da lievi eruzioni cutanee a condizioni più gravi come lo shock anafilattico;
  • Effetti collaterali digestivi come nausea, vomito e diarrea;
  • Candidosi, a causa dell’alterazione della flora microbica;
  • Alterazioni della funzionalità epatica o renale, poiché possono influenzare la funzionalità degli organi, come il fegato e i reni;
  • Effetti neurologici, tra cui vertigini e acufene, anche se rari.

Per questo motivo, gli antibiotici non andrebbero mai assunti con leggerezza o senza il consulto con un medico. 

CBD come supporto degli antibiotici

Questo affascinante campo di studio offre promettenti possibilità per il futuro della terapia antimicrobica.

Se desideri testare i benefici del CBD e integrarlo nella tua routine di benessere, ti invitiamo a scoprire la gamma di prodotti presenti sul CBD Shop offerti da Maria CBD Oil

Con prodotti di alta qualità e formulazioni pensate per soddisfare le esigenze individuali, ci impegniamo a fornire soluzioni affidabili e trasparenti per la tua salute. 

Scopri subito come puoi rendere il tuo organismo più forte agli attacchi esterni. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati